Traghetto da Leros per Agios Kirikos

La rotta Leros Agios Kirikos collega il Dodecaneso con Icaria. Al momento, esiste solo una compagnia di navigazione che opera questo servizio: Dodekanisos Seaways. La corsa viene effettuata fino a 3 volte con un servizio a settimana di una durata di circa 1 ora e 50 minuti.

La durata di navigazione della rotta Leros Agios Kirikos e la frequenza possono variare a seconda della stagionalità. Pertanto, consigliamo di effettuare una ricerca in tempo reale per ottenere informazioni aggiornate.

Leros - Agios Kirikos Operatori navali

  • Dodekanisos Seaways
    • 3 itinerari settimanali 1 ora 50 min
    • Ricerca tariffa

Leros Guida

Leros è un'isola greca che fa parte del gruppo di isole del Dodecaneso nel Mare Egeo e si trova a circa 200 km dal porto del Pireo. Leros è vicino alle isole di Patmos, Lipsi, Kalymnos, Agia Kyriaki e Farmakos. E' un'isola piuttosto piccola isola, misura 74 kmq ed ha una popolazione di poco meno di 8.000 residenti,che raddoppia durante l'estate per ospitare i turisti in visita. I luoghi più popolari e le spiagge da visitare sono Partheni e Blefouti nel nord, Gourna, Kokali e Ayia Isidoro sul lato ovest dell 'isola e la grande baia di Alinda, nella parte centro-orientale dell'isola, in cui si trovano le spiaggie di Panagias e Crithoni. A sud est si trova il grazioso porto di Agia Marina, che è di dieci minuti a piedi da Platanos, il cuore dell'isola. Il tempo di viaggio dal Pireo per l'isola è di circa 11 ore. Leros ha anche collegamenti giornalieri in traghetto convenzionale e aliscafo per la maggior parte delle isole greche del Dodecaneso, come Patmos, Lipsi, Samos, Kos, Rodi, Symi e Nisyros. Ci sono anche il collegamento settimanale per alcune delle isole delle Cicladi come Syros e Amorgos.

Agios Kirikos Guida

Agios kirykos è una città dell'isola greca di Icaria, nell'Egeo Settentrionale. Qui è dove marinai e capitani costruirono le loro case per rispettare la tradizione marittima. Nel museo archeologico questa tradizione continua ad essere presente, infatti gran parte delle collezioni furono trovate sui fondali marini. Secondo la leggenda, il figlio di Dedalo precipitò nel mare che circonda Icaria quando il sole bruciò le sue ali di cera. La sua caduta è simboleggiata in una statua all'ingresso del porto principale dell'isola.

Il suo territorio è prevalentemente montuoso e coperto da una fitta vegetazione di cipressi, querce e pini. Grazie a questi, i pendii dell'isola mantengono la loro umidità e consentono il pascolo delle capre selvatiche. La foresta di Radi, parte del progetto "Natura 2000, è considerata la più antica dei Balcani. Qui si possono trovare numerosi esemplari di querce basse.

L'isola è raggiungibile in traghetto dal porto del Pireo e Kavala, nel nord del paese.