Traghetti Kastelorizo Agios Kirikos

La rotta Kastelorizo Agios Kirikos collega il Dodecaneso con Icaria. Al momento, esiste solo una compagnia di navigazione che opera questo servizio: Hellenic Seaways. La corsa viene effettuata fino a 1 volte con un servizio a settimana di una durata di circa 15 ore e 35 minuti.

La durata di navigazione della rotta Kastelorizo Agios Kirikos e la frequenza possono variare a seconda della stagionalità. Pertanto, consigliamo di effettuare una ricerca in tempo reale per ottenere informazioni aggiornate.

Kastelorizo - Agios Kirikos Operatori navali

Guida di Kastelorizo

Kastelorizo è un'isola greca situata nel sud est del Mar Mediterraneo. L'isola è a circa 2 km al largo della costa meridionale della Turchia, a 570 km a sud est di Atene, a metà strada tra Rodi e Antalya e a 280 km da Cipro, che si trova a sud-est. Kastelorizo è una piccola isola di circa 9 km2 ed è di forma triangolare. L'isola ha tre punti principali: Agios Stefanos a nord, Nifti a est e Pounenti nel sud-ovest. Il porto principale e unico della città si trova in una vasta baia tra i promontori di Agios Stefanos e Nifti. L'interno dell'isola è caratterizzata da alte montagne che vanno a strapiombo sul mare. L'agricoltura dell'isola è limitata alla coltivazione di olive, uva e fagioli. La città dell'isola è caratterizzata dalle sue case sottili con balconi in legno e le finestre dello stile anatolica. Sul lato est dell'ingresso al porto si trova i resti di un solo piano della ex Governate italiano, eretta nel 1926. Nelle vicinanze si trova l'ex moschea ottomana dell'isola che risale alla seconda metà del XVIII secolo. L'edificio è stato restaurato ed è ora un museo. I traghetti dal porto collegano l'isola di Rodi, Kos, Nisyros, Pireo, Kalymnos, Symi e Astypalea.

Guida di Agios Kirikos

Agios kirykos è una città dell'isola greca di Icaria, nell'Egeo Settentrionale. Qui è dove marinai e capitani costruirono le loro case per rispettare la tradizione marittima. Nel museo archeologico questa tradizione continua ad essere presente, infatti gran parte delle collezioni furono trovate sui fondali marini. Secondo la leggenda, il figlio di Dedalo precipitò nel mare che circonda Icaria quando il sole bruciò le sue ali di cera. La sua caduta è simboleggiata in una statua all'ingresso del porto principale dell'isola.

Il suo territorio è prevalentemente montuoso e coperto da una fitta vegetazione di cipressi, querce e pini. Grazie a questi, i pendii dell'isola mantengono la loro umidità e consentono il pascolo delle capre selvatiche. La foresta di Radi, parte del progetto "Natura 2000, è considerata la più antica dei Balcani. Qui si possono trovare numerosi esemplari di querce basse.

L'isola è raggiungibile in traghetto dal porto del Pireo e Kavala, nel nord del paese.