Nisiros - Agios Kirikos è una delle rotte più richieste. Generalmente, le disponibilità si esauriscono velocemente nei periodi in cui c'è maggior richiesta.
Questi sono i prezzi piú bassi che abbiamo trovato per questa rotta nelle date selezionate.

Perchè scegliere
Direct Ferries?

Offriamo 3325 rotte da 764 porti in tutto il mondo

Scelto da più di 2,5 milioni di clienti

Prenotiamo oltre 1,2 milioni di rotte l'anno

Confrontiamo ogni giorno oltre 1 milione di tariffe per garantirti le migliori offerte

Per maggiori informazioni visita la nostra pagina web Traghetti dal Dodecaneso per Icaria.

Nisiros - Agios Kirikos Operatori navali

    • 1 itinerario settimanale 7 ore 10 min
    • Ricerca tariffa

Guida di Nisiros

Nisyros è un'isola greca situata nel Mar Egeo e fa parte del gruppo di isole del Dodecaneso. Nisyros si trova tra le isole di Kos e Tilos.Le coste dell'isola sono generalmente rocciose o di ghiaia, ma ci sono anche alcune spiagge sabbiose che si trovano principalmente nella parte nord orientale dell'isola. Il vulcano è attivo (ma non in eruzione), e si possono ammirare le fumarole in prossimità dei crateri. Secondo la mitologia greca, l'isola si è formata quando Poseidone tagliò una parte di Kos e la gettò sui giganti Polybotes per impedirgli di fuggire. L'antico nome di Nisyros era Porphyris. Antiche mura, risalenti al 5 ° secolo aC, parte dell'acropoli dell'isola, si trovano nei pressi di Mandraki.

I traghetti da Nisyros partono per il Pireo e le altre isole del Dodecaneso, ma ci sono anche collegamenti per le Cicladi e Creta. Sia i traghetti convenzionali e quelli ad alta velocità viaggiano da e verso Nisyros, a seconda del percorso e della compagnia navale.


Guida di Agios Kirikos

Agios kirykos è una città dell'isola greca di Icaria, nell'Egeo Settentrionale. Qui è dove marinai e capitani costruirono le loro case per rispettare la tradizione marittima. Nel museo archeologico questa tradizione continua ad essere presente, infatti gran parte delle collezioni furono trovate sui fondali marini. Secondo la leggenda, il figlio di Dedalo precipitò nel mare che circonda Icaria quando il sole bruciò le sue ali di cera. La sua caduta è simboleggiata in una statua all'ingresso del porto principale dell'isola.

Il suo territorio è prevalentemente montuoso e coperto da una fitta vegetazione di cipressi, querce e pini. Grazie a questi, i pendii dell'isola mantengono la loro umidità e consentono il pascolo delle capre selvatiche. La foresta di Radi, parte del progetto "Natura 2000, è considerata la più antica dei Balcani. Qui si possono trovare numerosi esemplari di querce basse.

L'isola è raggiungibile in traghetto dal porto del Pireo e Kavala, nel nord del paese.