Chalki - Kasos è una delle rotte più richieste. Generalmente, le disponibilità si esauriscono velocemente nei periodi in cui c'è maggior richiesta.
Questi sono i prezzi piú bassi che abbiamo trovato per questa rotta nelle date selezionate.

Perchè scegliere
Direct Ferries?

Offriamo 3325 rotte da 764 porti in tutto il mondo

Scelto da più di 2,5 milioni di clienti

Prenotiamo oltre 1,2 milioni di rotte l'anno

Confrontiamo ogni giorno oltre 1 milione di tariffe per garantirti le migliori offerte

A bordo nave

Chalki - Kasos Operatori navali

    • 3 itinerari settimanali 5 ore 10 min
    • Ricerca tariffa

Guida di Chalki

Chalki è un'isola greca situata nell'arcipelago del Dodecanneso nel Mar Egeo ed è la più piccola isola abitata delle isole del Dodecaneso. L'isola si trova a circa 6 km ad ovest di Rodi. Ha conservato molto del suo fascino naturale in quanto non si è sviluppata molto come destinazione turistica. Le bellezze architettoniche dell’isola e le rilassanti spiagge ne fanno una meta ideale per i viaggiatori in cerca di pace e privacy. Poche sono le spiagge di Halki organizzate e accessibili a piedi o in autobus. Il resto delle spiagge dell'isola sono completamente isolata.
Nel centro dell'isola c’è un villaggio abbandonato dominato da un castello medievale. Il villaggio è stato abbandonato con l’attacco dei pirati nel Mar Egeo e la gente ha iniziato a muoversi intorno al porto.
L'isola è collegata con i traghetti convenzionali e aliscafi per il porto del Pireo e il resto delle isole del Dodecaneso. E' anche possibile prendere un traghetto per le isole Cicladi e Creta, da altri porti.


Guida di Kasos

Kasos è l'isola più a sud del isole del Dodecaneso. L'isola ha una storia antica e molti punti in comune con la vicina Creta. I Fenici sono considerati i primi abitanti, mentre Omero include Kasos nella lista di isole che ha partecipato alla guerra di Troia. Nonostante le dimensioni ridotte, l'isola ha avuto una grande importanza navale e commerciale, con la sua flotta partecipo alla rivoluzione del 1821, che costò la sua completa distruzione da parte dei Turchi nel 1824. La sua storia poi è identico con il resto di isole del Dodecaneso, fino all'unificazione con la Grecia continentale nel 1948. Molti abitanti di Kasos, così come Karpathos, sono emigrati in America e in Egitto, dove la costruzione del Canale di Suez a metà del XIX secolo.

Kasos è raggiungibile in traghetto dal Pireo, Creta (Sitia, Aghios Nikolaos), Rodi, Karpathos e Halki.