Vathi - Agios Kirikos è una delle rotte più richieste. Generalmente, le disponibilità si esauriscono velocemente nei periodi in cui c'è maggior richiesta.
Questi sono i prezzi piú bassi che abbiamo trovato per questa rotta nelle date selezionate.

Perchè scegliere
Direct Ferries?

Offriamo 3325 rotte da 764 porti in tutto il mondo

Scelto da più di 2,5 milioni di clienti

Prenotiamo oltre 1,2 milioni di rotte l'anno

Confrontiamo ogni giorno oltre 1 milione di tariffe per garantirti le migliori offerte

Traghetto da Vathi per Agios Kirikos alternativi

Per maggiori informazioni visita la nostra pagina web Traghetti dall'Isola di Samo per Icaria.

Vathi - Agios Kirikos Operatori navali

    • 2 itinerari settimanali 2 ore 50 min
    • Ricerca tariffa

Guida di Vathi

Vathi è una città situata sull'isola greca di Samos nel Mare Egeo del Nord. Vathi è la capitale dell'isola e la città più grande. L'economia di Vathi è fortemente legata al turismo. La città è stata costruita ad anfiteatro intorno ad una grande baia. Vathi è anche uno dei tre porti principali dell'isola. Il porto si trova nel centro del lato orientale della baia, che dà il nome alla città. Limin Vatheos o Kato Vathi, come la chiamanogli abitanti del luogo, è il luogo più vivace dell'isola, soprattutto durante la stagione turistica estiva. Il ricco passato storico dell'isola è evidente dai reperti storici antichi. La storica chiesa di Agios Spyridon, l'edificio che ospitava il Parlamento, il Palazzo Comunale e il Museo Archeologico e il Museo Bizantino sono tutti segni del passato storico dell'isola e grandi attrazioni turistiche.

Dal porto della città ci sono traghetto che operano per la Grecia continentale e molte altre isole greche con traghetti convenzionali e ad alta velocità. Le destinazioni includono Pireo, Icaria, Chio, Mitilene, le Cicladi, le isole del Nord Egeo e le isole del Dodecaneso.


Guida di Agios Kirikos

Agios kirykos è una città dell'isola greca di Icaria, nell'Egeo Settentrionale. Qui è dove marinai e capitani costruirono le loro case per rispettare la tradizione marittima. Nel museo archeologico questa tradizione continua ad essere presente, infatti gran parte delle collezioni furono trovate sui fondali marini. Secondo la leggenda, il figlio di Dedalo precipitò nel mare che circonda Icaria quando il sole bruciò le sue ali di cera. La sua caduta è simboleggiata in una statua all'ingresso del porto principale dell'isola.

Il suo territorio è prevalentemente montuoso e coperto da una fitta vegetazione di cipressi, querce e pini. Grazie a questi, i pendii dell'isola mantengono la loro umidità e consentono il pascolo delle capre selvatiche. La foresta di Radi, parte del progetto "Natura 2000, è considerata la più antica dei Balcani. Qui si possono trovare numerosi esemplari di querce basse.

L'isola è raggiungibile in traghetto dal porto del Pireo e Kavala, nel nord del paese.